mercoledì 17 settembre 2014

Obake, la metal band guidata dall'italiano Eraldo Bernocchi, presenta il nuovo album Mutations


OBAKE
Presenta
Mutations
Etichetta; RareNoiseRecords
Distribuzione fisica; Good Fellas
Distribuzione digitale
Data di uscita: 10 ottobre 2014


Dopo due anni torna alla ribalta Obake, gruppo di metal grind core sperimentale concepito dal poliedrico chitarrista e compositore italiano Eraldo Bernocchi, guidato dalla voce dalle mille sfumature di Lorenzo Esposito Fornasari e sostenuto da un’incredibile sezione ritmica di Colin Edwin al basso e Balazs Pandi alla batteria.

L’album di debutto del gruppo ottenne grande risposta della critica internazionale, celebrato sia dalla carta stampata (MOJO, Metal Hammer, Terrorizer, RockARolla e molteplici altri) che dalla comunità web – il giudizio unanime fu che si trattasse di uno dei migliori album tout court del 2011.

Obake si ripresenta oggi al mondo con la loro opera seconda, “Mutations” ed una formazione nella quale il bassista inglese Colin Edwin (in origine dei Porcupine Trees e recentemente autore di grandi prove quali Twinscapes con Lorenzo Feliciati, Ex Wise Heads e Burnt Belief) prende il posto di Massimo Pupillo.

Registrato nel 2013 da Daniel Sandor a Budapest nei Metropolis Studios, missato in Italia da Eraldo Bernocchi e masterizzato da Mike Fossenkemper negli StatiUniti, il nuovo capitolo nella storia mutante di Obake si pone come luogo di convergenza delle energie del metal, dell’ambient, del jazz e del noise. Il suono di Obake ci riporta alle origini del rock e si nutre di influenze che vanno dai Sunn, ai Popol Vuhed Ashra Tempel fino a Slayer, Tool, Melvins e Coil.

Brani:
1. Seven Rotten Globes
2. Seth Light
3. Transfiguration
4. Thanatos
5. Second Death Of Foreg
6. Burnt Down
7. M
8. Infinite Chain

Musicisti:

1. Eraldo Bernocchi – chitarre, elettronica
2. Lorenzo Esposito Fornasari – voce, pianoforte, elettronica
3. Colin Edwin – basso elettrico

4. Balazs Pandi - batteria

Nessun commento:

Posta un commento