mercoledì 29 giugno 2011

Il reggae dei Mista Savona a Luglio in quattro date!



WAYOUT EVENTI PRESENTA
MISTA SAVONA
L'ARTISTA CHE HA LANCIATO SULLA SCENA MONDIALE
IL REGGAE E LA DANCEHALL AUSTRALIANE
A LUGLIO IN ITALIA PER 4 CONCERTI
Wayout Eventi srl

PRESENTA

MISTA SAVONA
Ecco le date:

09 luglio: Lu Monferrato (Al) - Lustando
19 luglio: Genova - Arena del Mare
20 luglio: Collegno (to) - Colonia Sonora
23 luglio: Montesantangelo - Festambiente
INFOLINE
phone +39 06 71350403
fax +39 06 71350312
www.wayouteventi.it
www.myspace.com/wayouteventi

 
MISTA SAVONA
Jake Savona aka Mista Savona è senza dubbio il principale esponente della musica roots reggae e dancehall dell'Australia. Il suo tour italiano è il risultato di uno scambio culturale che la Way Out Eventi porta avanti ormai da un paio di anni; dopo aver presso contatti con il mercato australiano, grazie alla partecipazione del più importante festival di world music a Melbourne - l'"Australiasia World Music Expo" - e dopo aver effettuato il primo tour di artisti italiani in Australia (Sud Sound System), ora è il momento di Mista Savona e del suo tour promozionale italiano.
Le sue produzioni discografiche sono state precedute da una serie di 7 pollici tra i quali ha avuto un grande riscontro internazionale il 'Fire Dragon Riddim', che ha inserito prepotentemente l'Australia nel mercato reggae globale.
Il terzo album in studio di Savona, "Melbourne Meets Kingston" (2007), è un tour de force di 21 straordinari brani apripista della della prima collaborazione tra musicisti australiani e jamaicani, con i luminari del reggae come Anthony B, Big Youth, Determine, Lisa Dainjah e nuovi artisti in ascesa.
"Melbourne Meets Kingston" è stato descritto come "un punto di riferimento per la musica australiana; questa è la prima volta che un produttore australiano ha lavorato in maniera così approfondita con i più grandi della musica jamaicana per un intero album. E soprattutto, è il più forte album reggae & dancehall prodotto nel paese fino ad oggi". (Jesse I - Chant Down Sound).
Forte di molte produzioni internazionali, Savona arriva al 2010 con il suo stupendo quarto album di studio dal titolo "Warn The Nation" che lo vede a fianco dei più importanti artisti internazionali come Capleton, Sizzla, Horace Andy (Massive Attack), Anthony B, Alton Ellis, Burro Banton e molti altri.
J Mag lo ha definito 'il disco reggae d'Australia' e il Sydney Morning Herald 'fantastico, autentico il più incredibile reggae album', a significare che questo è il più originale ed entusiasmante sound proveniente dall'Australia negli ultimi anni.
Mista Savona è l'attuale produttore del nuovo studio album di Sizzla che uscirà sul mercato internazionale a Giugno 2011; ciò contribuisce a coronare il successo della sua carriera ed a confermarlo come uno dei leader della reggae music mondiale.
Nel suo spettacolo, Mista Savona ha riunito una incredibile band di 10 musicisti, inclusa una sezione fiati, danzatrici africane e la cantante Vida Sunshyne di Melbourne (che ha lavorato anche con Nitin Sawhney e Lionel Richie): si tratta senz'altro della più tenace ed emozionante rappresentazione dell'autentico raw roots reggae e dancehall del continente australiano.

 
Ufficio promozione LUNATIK - www.lunatik.it
Radio - radio@lunatik.it e promo@lunatik.it
Web - onair@lunatik.it
Stampa - web@lunatik.it e lunatik@lunatik.it

 

 

venerdì 24 giugno 2011

Torna il Brianza Blues Festival, dal 7 al 9 luglio alla Villa Reale di Monza

Nel centenario della nascita di Robert Johnson, che rese famosa Sweet Home Chicago,
Torna l’appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del Blues, con ospiti d’eccezione come BOB MARGOLIN, POPA CHUBBY, LOUISIANA RED, ROBBEN FORD e altre sorprese.
Dal 7 al 9 luglio nella splendida Villa Reale di Monza,
sotto la direzione artistica del Blues Brother ‘Blue Lou’ Marini.
Sweet Home Brianza!

Brianza Blues Festival

7-8-9 luglio 2011 | Villa Reale (Monza)

ore 17,00 apertura cancelli
ore 20,00 inizio concerti
Ingresso:

  • · 7 luglio: €18,00 (+ €2,00 d.p.)
  • · 8 luglio: €18,00 (+ €2,00 d.p)
  • · 9 luglio: €10,00 (+ €2,00 d.p.)
  • · Abbonamento 3 serate: €38,00 - solo in prevendita
INFO
Informazioni:
328.62.72.033
339.76.35.300
I biglietti sono disponibili anche in prevendita su http://www.ticketone.it/ e http://www.greenticket.it./



SWEET HOME BRIANZA 2° EDIZIONE

Dopo l’incredibile esperienza del 2010, dopo aver incantato il pubblico con l’indimenticabile Solomon Burke, la Blues BrothersBand, Davide Van De Sfroos, Mick Taylor, FabioTreves, Sonny Landreth, Uli Jon Roth e molti altri, il Brianza Blues Festival torna nel 2011per stupire e lasciarsi stupire ancora. La formula è sempre quella: tre giorni di concerti indimenticabili firmati da grandissimi interpreti nazionali e internazionali (Festival), ma anche un’ottima chance per band esordienti ed emergenti (Contest). Il BBF 2011 si svolgerà il 7-8-9 Luglio nella splendida cornice di Villa Reale a Monza, e sotto l’esperta direzione artistica di “Blue Lou” Marini, musicista Blues e Jazz di fama internazionale, già protagonista del cult movie “The Blues Brothers” di cui quest’anno cade il 30° anniversario.

UN EVENTO PIENO DI EVENTI

Festival - La prima giornata del festival ospiterà Bob Margolin e Popa Chubby & Band in concerto. La seconda giornata vedrà invece il grande Louisiana Red duettare con la Resident Band e poi il concerto di Robben Ford. L’ultima giornata, infine, sarà dedicata alla Grande Festa del Blues, con una big band di oltre 30 elementi a cui si uniranno diversi ospiti a sorpresa.

Contest - Il Brianza Blues Festival apre la sua seconda edizione all’insegna dei giovani. Si conferma dunque l’appuntamento inaugurato nel 2010 e che vide l’adesione di oltre 100 band: Il Brianza Blues Contest. Anche quest’anno il Festival sarà dunque introdotto da un evento che mira al coinvolgimento e alla partecipazione di giovani e artisti emergenti. Una manciata di band emergenti di blues, rhythm’n’blues e rock - selezionate tra tutte le band iscritte - avranno a disposizione 15 minuti per dimostrare il loro talento di fronte a una giuria di esperti, che avrà la missione di giudicare e criticare costruttivamente le band, lontano da logiche commerciali e puntando esclusivamente alla massima espressione del proprio stile. La giuria è capitanata da “Blue Lou” Marini e composta da vari artisti e giornalisti del settore. Le migliori band riceveranno come premio la possibilità di suonare accanto ai grandi Bluesmen che si esibiranno al Festival.

Brianza Blues Band - Un altro elemento che caratterizza questa 2° edizione del BBF è la presenza di una Resident Band, La Band è essa stessa uno spettacolo di unità, nel nome del Blues, di personalità uniche e importanti: lo stesso Direttore Artistico Lou Marini fa parte del gruppo, così come Lucio “Violino” Fabbri della PFM, Il noto chitarrista Maurizio Bestetti e vari musicisti della Original Blues Brothers Band.

Sorprese - Un’ultima caratteristica che rende questo Festival ancora più aperto e accogliente, è la presenza costante di Max Prandi e del suo Juke Joint Corner. Nella migliore tradizione dei Blues Festival americani, infatti, anche il BBF ospita uno spazio dedicato all’incontro degli artisti che, con la massima libertà e spontaneità, potranno esprimersi e suonare insieme prima e dopo gli spettacoli del Festival. Pertanto tutti sono invitati a portare il loro strumento per unirsi alla open jam guidata dal grandissimo “one man band” Max Prandi. All’interno del Festival è previsto anche un punto di ristoro, una mostra e un mercatino di dischi e oggetti vintage legati all’universo Blues.

L’edizione 2011 del Festival ospiterà per la prima volta uno stand espositivo della Wilder-Davoli. Importatore e distributore di molti marchi di strumenti ed accessori che fanno parte della storia del Blues. In particolare quest’anno sotto il gazebo della Wilder si potranno ammirare e provare diversi modelli di chitarre Resofoniche. Della mitica “National” americana, della quale Willy Davoli è da parecchi anni il distributore esclusivo italiano.

PROGRAMMA IN SINTESI

Giovedì 7 Luglio 2011 – BRIANZA BLUES CONTEST + FESTIVAL

(Pomeriggio) BRIANZA BLUES CONTEST, band emergenti a confronto

· BLUES MEMORIES #1: LA GRANDE STORIA DEL BLUES SUONATA DA BRIANZA BLUES BAND + BOB MARGOLIN

· BAND VINCITRICE Brianza Blues Contest

· POPA CHUBBY & Band in concerto

Venerdì 8 Luglio 2011 – FESTIVAL

· BLUES MEMORIES #2: LA GRANDE STORIADEL BLUES SUONATA DA BRIANZA BLUES BAND + LOUISIANA RED

· BAND VINCITRICE Brianza Blues Contest

· ROBBEN FORD & The Blue Line in concerto

Sabato 9 Luglio 2011 – BIG BLUES PARTY JAM

· BAND VINCITRICE Brianza Blues Contest

· BRIANZA BLUES BAND, la BLUES4PEOPLE BAND e altri grandi ospiti a sorpresa.

EVERYDAY

BRIANZA BLUES BAND: LOU MARINI (Sax - Blues Brothers Band), MAURIZIO BESTETTI (Blues Guitar), LUCIO “VIOLINO” FABBRI (Polistrumentista – PFM, Slow Feet), FRANCO LIMIDO (Armonica Blues), JOHN TROPEA (Guitars - Tropea Band, Blues Brothers Band), ERIC UDEL (Bass - Blues Brothers Band), LEE FINKELSTEIN (Drums - Blues Brothers Band).

JUKE JOINT CORNER: MAX PRANDI guida ogni giorno una open jam – in apertura e in chiusura di giornata – invitando tutti gli amici del Festival a portare il loro strumento e suonare insieme.

LEGGI QUI LE BIOGRAFIE DEGLI ARTISTI COINVOLTI

giovedì 23 giugno 2011

La band bergamasca Bepi & The Prismas presenta il nuovo singolo "Viva L'Italia": guardalo su you tube!

Su Wikipedia è stato postata una sua biografia in dialetto bergamasco

Nella provincia di Bergamo (una delle più popolose d’Italia) fa sfracelli dal vivo

I suoi album hanno venduto migliaia di copie

Con il nuovo album Bepi ci prova anche con alcuni brani in italiano e una canzone per le radio e tv dal titolo rappresentativo

Il Bepi & The Prismas

Presenta il singolo

“VIVA L’ITALIA”

tratto dall’album

Ca7 (casèt)

Settimo album per Il Bepi & the Prismas. Bepi, famosissimo in Lombardia per il suo repertorio di canzoni cantate in dialetto bergamasco, propone un nuovo disco in cui sono presenti anche alcuni brani in italiano.

Uno di questi, “Viva l’Italia”, è il brano che propone alle radio e per cui è stato girato un video (guardalo qui; http://www.youtube.com/watch?v=G9l5Ieopp9E).

Il videoclip del brano “Viva l’Italia”, inserito nel CD Ca7 (casèt) di Bepi & The Prismas, è stato diretto da Tiziano Incani per quanto concerne la parte artistica e da Andrea Cominoli, con l’ausilio di Stefano Bianchi e MatteoLa Gioiaper la parte tecnica.

Il video, ambientato in 3 diverse locations (il Monte Blum sopra Rovetta (BG), il tratto di S.P. 35 tra Vertova e Casnigo e il Bar Icarus di Fiorano al Serio) vuole mettere in evidenza certi aspetti della provincia bergamasca e del nord in genere dei quali la retorica nazionalista pare costantemente dimenticarsi.

Imporre un sentimento patriottico a chi non ha mai modo di riconoscersi in alcun modello di italianità proposto dai media, dalla politica e dagli stereotipi è quantomeno paradossale, ancor più perché l’affermare la propria diversità viene interpretato ogni volta come un rigurgito razzista.

Si passa per carnefici, insomma, ma in realtà si è vittime.

Questa Bergamo fatica a identificarsi nel modello mediterraneo da sempre associato all’Italia e nemmeno gli viene consentito di dire: “Eh, ma…”. Che dovrebbero dire allora i sud-tirolesi, “costretti” a sentirsi parte di un mondo che, per forza di cose, avvertono come lontanissimo? Si può obbligare qualcuno all’amor patrio?

Nel brano compaiono, oltre alla band, anche il baritono bergamasco Gabriele Nani e il soprano novarese Marta Calcaterra.

Leggi qui il comunicato del disco

http://www.lunatik-ftp.it/dati/PDF/BEPI_THE_PRISMAS_CA7.pdf

Leggi qui la biografia di Il Bepi

http://www.lunatik-ftp.it/dati/PDF/BIO_BEPI_THE_PRISMAS.pdf

mercoledì 22 giugno 2011

Gli Hot Head Show in Tour con il loro nuovo album, "The Lemon Lp"


Les Claypool dei Primus stravede per loro, tanto da portarseli come opening act nel tour europeo di quest'estate e definirli geniali

Hanno fatto un primo "unofficial video" con un patchwork "hardcore" delle famose donne maggiorate dei film di Russ Meyer

(vedi qui il video; http://hotheadshower.blogspot.com/2011/02/bummer.html )

 

In Italia in tour dal 24 giugno

con il loro disco d'esordio in uscita i primi di agosto

intanto lanciano un nuovo video, ultraviolento per un altro brano ("Payload") del loro album

http://www.youtube.com/nogoodbandsanymore#p/a/u/0/P_1Zs-ZYw08

benvenuti nel mondo di HOT HEAD SHOW

HOT HEAD SHOW

The Lemon LP

Hakisac Records

Digital release date; 6th June, 2011

Physical release; 5th August, 2011

LE DATE IN ITALIA

24 - Casa del Jazz, Rome, IT w/Gizmo

25 - Private Party, Alassio, IT

26 - Castello Sforzesco, Pavia, IT - w/Primus

27 - Pala Atlantico, Roma, IT - w/Primus

28 - Anfiteatro Sant Angelo,Perugia, IT - Headline Show

DICONO DI LORO

"This nimble, racing music is an eloquent staccato riposte to Deerhoof, with moments of

Nick Cave passion and Beefheart blues contortion - they offer the complex pleasure of

shaking your head in three directions at once."

- The Wire

"I’ve never heard anything quite like this before and I really can’t compare it directly with

any one band... in truth there’s not a day goes by that I don’t listen to it a least a couple of

times. Almost beyond description.”

The Sonic Abyss

"Hot Head Show are inherently sexy, but exposure to them might leave you feeling a bit

confused and sordid.”

Notion



ENGLISH PRESS RELEASE

2011 is looking to be a big year for London avant-bangers HOT HEAD SHOW – their debut album is to be released on Hakisac Records in July, they’re about to spend the summer touring Europe with American alt-rock legends Primus, and sessions for album number two are already well underway.

Primus frontman Les Claypool first met the band when they opened for his solo project inLondonlast year. Declaring them to be “stupid, unclean, helpless geniuses”, he immediately offered them a run of international dates that year, first in Europe and then in theUSA. The adventure ended up including a sold-out date at

London’s Koko, a near-death experience at Bonnaroo inTennessee, an in-the-field repress of their Tour EP after selling out inItaly, and a headline slot at North By Northeast inToronto.

When Primus then reformed for their first tour in over a decade, they took as support Gogol Bordello in theUS, The Melvins in Austraila and now HOT HEAD SHOW inEurope. Les Claypool on the decision:

“It has long been my policy to never bring the same support act twice, so initially I had ruled out Hot Head Show as openers for Primus. But then I heard their album.”

Sessions for The Lemon LP were interrupted last March by all the unexpected touring, but resumed vigorously when the band finally returned from theUS in the autumn. The recordings were tracked variously in a basement studio in Hackney, a room above a betting shop nearHomertonHospital, and a Georgian

mansion in Oxfordshire, produced by the band themselves with Chilean recording

engineer Camilo Tirado and Serbian mix engineer Brian Bogdanovic.

An AA vinyl single, Bummer / Hotel Room, was self-released in February, and attracted the attention of London indie Hakisac Records, who quickly worked to secure distribution rights for debut album The Lemon LP. The album, which runs as two seventeen-minute surges of music painstakingly stitched together using field recordings and dialogue, will be released first digitally to coincide with the Primus tour, and then on CD and vinyl + download.

Frontman Jordan Copeland on the project:

"Wrestling with a tendency to overthink things is really what ties it all together. We had to keep reminding ourselves that we were just trying to make a straight-up Bang-Bang product, though that isn't

quite what we ended up with."

 

 

HOT HEAD SHOW are playing the following live dates, with more to be confirmed:

June

18 - Paradiso,Amsterdam,NE- w/Primus

19 - Effenaar,Eindhoven,NE- w/Primus

20 - Villadelfia,Antwerp, BE - Headline Show

21 - Ancienne Belgique,Brussels, BE - w/Primus

22 -La Cigale, Paris, FR - w/Primus

24 - Casa del Jazz, Rome, IT w/Gizmo

25 - Private Party, Alassio, IT

26 - Castello Sforzesco, Pavia, IT - w/Primus

27 - Pala Atlantico, Roma, IT - w/Primus

28 - Anfiteatro Sant Angelo, Perugia, IT - Headline Show

29 - Arena Vienna, Vienna, AT - w/Primus

July

05 -Columbiaclub,Berlin, DE - w/Primus

06 -Große Freiheitt,Hamburg,DE- w/Primus

08 -Artenschutztheater,Berlin, DE - Headline Show

09 -Indra,Hamburg, DE - w/Mister Mother

10 - Vega,Copenhagen, DK - w/Primus

11 - Driving Day

12 -ManchesterAcademy,Manchester,UK- w/Primus

13 -BrixtonAcademy,London,UK- w/Primus

 

 

 

martedì 21 giugno 2011

Venerdì 22 Luglio @ Porto Antico di Genova: RARE NOISE RECORDS NIGHT



 

VENERDI’ 22 LUGLIO
GENOVA @ PORTO ANTICO

RARE NOISE RECORDS NIGHT

ALL’INTERNO DI

GEZMATAZ FESTIVAL&WORKSHOP

NAKED TRUTH
con la partecipazione esclusiva di

NILS PETTER MOLVAER

e
BRAINKILLER

INIZIO H 21.30

INGRESSO GRATUITO

 

http://www.gezmataz.org/concerti.html

info@gezmataz.org

 

INIZIO H 20.30

INGRESSO GRATUITO

20.30 BRAINKILLER

21.30 NAKED TRUTH

 

http://www.gezmataz.org/concerti.html

info@gezmataz.org

 

NAKED TRUTH

 

Lorenzo Feliciati - basso elettrico
Roy Powell - piano elettrico
Nils Petter Molvaer – tromba (vedi la biografia dell’artista)
Pat Mastellotto - batteria

http://www.lunatik-ftp.it/dati/naked_truth/Naked_Truth_Bio_ITA.pdf

 

BRAINKILLER
BRAINKILLER

Brian Allen - trombone
Jacob Koller - piano/ piano el. Fender
Hernan Hecht – batteria

http://www.gezmataz.org/doc/BRAINKILLER.pdf

 

 

NILS PETTER MOLVAER _ BIOGRAFIA

http://www.lunatik-ftp.it/dati/varie/Nils_Petter_Molvaer_Bio_ITA.pdf
IL FESTIVAL
Gezmataz Festival & Workshop vuole diventare un punto di riferimento creativo, un luogo d’incontro per le nuove e le vecchie generazioni di musicisti in qualche modo vicini al linguaggio del jazz, che desiderano aggiornarsi, scambiare idee, conoscersi o solo ascoltare grandi nomi del panorama internazionale, legati all’improvvisazione musicale e alla ricerca.

venerdì 17 giugno 2011

Il tour italiano di Anthony B! Ecco le date


A 30 ANNI DALLA SCOMPARSA DI BOB MARLEY

ARRIVA IN ITALIA ANTHONY B;

SEI DATE PER VEDERE DAL VIVO

UNO DEI PIU’ NOTI PORTAVOCE

DELLA CULTURA AFRO-GIAMAICANA,

ED UNO DEGLI ARTISTI PIU’ APPREZZATI E SEGUITI

SULLA SCENA REGGAE MONDIALE

Wayout Eventi srl

PRESENTA

ANTHONY B.

&

BORN FIRE BAND

 

Ecco le date:

01 luglio – Parabiago (Mi) – Parabiago Reggae Festival

19 luglio – Genova – Arena del Mare

20 luglio – Collegno (to) – Colonia Sonora

22 luglio – Roma – Villa Ada

23 luglio – Gallipoli (Le) – parco Gondar

24 luglio – Monte Santangelo (FG) – Festambiente

INFOLINE

phone +39 06 71350403

fax +39 06 71350312

www.wayouteventi.it

www.myspace.com/wayouteventi

 

ANTHONY B. & BORN FIRE BAND

Drappeggiato nei ricchi colori dell'abbigliamento Africano, il suo marchio di fabbrica in mano e la sua capigliatura rasta regalmente avvolta intorno alla testa, Anthony B incarna tutto ciò di più spirituale e positivo che c'è nella musica reggae. Questo artista è stato sempre costante nella sua missione di rappresentare i poveri e gli oppressi, con testi taglienti per affrontare le ingiustizie politiche e portare i problemi delle persone in primo piano. In questo cammino ha sempre migliorato la qualità degli standards delle sue performance e i contenuti musicali, attraverso la pubblicazione di 13 album, di oltre 100 singoli e apparizioni in oltre 100 album negli ultimi 14 anni.

Il viaggio musicale di Anthony B ebbe inizio in chiesa, già da quando si chiamava ancora Keith Anthony Blair, a Clark's Town nel Trelawney. Nella sua parte rurale della Giamaica, Anthony B era immerso nei fragorosi canti e ritmi del Revivalismo nella Chiesa Avventista del Settimo Giorno dove ha affinato la sua voce destinata ben presto a diventare un marchio. Negli anni della sua formazione l'artista si è ispirato anche alla musica di Otis Redding e dell'incomparabile Peter Tosh.

Nel 1992, Anthony B lasciò la sua città natale e decise di portare il suo segno fatale nella scena musicale di Kingston. In contrasto con i brani allora popolari che parlavano solo di ragazze e pistole, rimase fedele alle parole di consapevolezza spirituale e di convinzioni sociali. Iniziò a lavorare con il cantante Little Devon, che lo presentò a Richard "Bell" Bello, della Star Trail Records, produttore di Garnet Silk e di Everton Blender. Bell si accorse subito del talento del ragazzo e condivideva il suo impegno per una musica consapevole. La collaborazione tra i due portò alla registrazine di una lunga serie di brani, quali "Repentance time", "Fire pon Rome", "One Thing", "A De Man", "Rumour" e "Raid di Barn". Anthony B proseguì con la pubblicazione di molti album acclamati dalla critica quali " Real Revolutionary", "Universal Struggle", "7 Seals", "Black Star" e "Untouchable". Egli infine si mise in proprio, creando nel 2002 una sua etichetta,la Born FireRecords. Produsse così 3 album indipendenti: Street Knowledge, That's Life e Life Over Death. Inoltre pubblicò due album "Too Strong" in collaborazione con Sizzla e "Three Wise Men" con Sizzla e Luciano.

Il genio musicale di Anthony B ed il suo stile accattivante ed energico fecero sì che egli venisse caldamente richiesto per spettacoli non solo nei Caraibi, ma anche in Nord America, in Europa e in Africa. Anthony B personalmente considerò la sua esibizione al Montrose Jazz Festival del 1999 come un evento monumentale della sua carriera. Nel 2003- 2004 ebbe una accoglienza regale in Gambia e in Senegal. Nel 2004 i suoi spettacoli fecero il tutto esaurito in Svizzera, Austria, Svezia, Belgio, Francia, Italia e Germania; chiudendo per grandi artisti come Israel Vibration e Burning Spear. Ha inoltre aperto nuove regioni alla musica reggae portando i suoi spettacoli a New Dehli in India, nella Repubblica Ceca, in Islanda, in Argentina, in Venezuela e nelle isole francesi di Reunion nell'Oceano Indiano.

Questo programma di tour così fitto di impegni non ha rallentato il flusso delle sue registrazioni. Ha collaborato negli anni con Bone Crusher, Akon, Wyclef Jean, Snoop Dogg, R. Kelly, Martina, e nel suo ultimo album con Toots.

La sua ricchezza vocale e l'audacia dei testi hanno portato una profondità ed una sostanza rare nel settore. Il numero dei suoi fan è costantemente cresciuto a livello internazionale, poiché egli parla dei concetti universali di sofferenza e salvezza. "La cosa più bella della musica reggae è che non tratta di concetti astratti o di idee" dice l'artista, " ma parla alla gente di problemi che essa vive e con cui si relaziona".

L'ultimo successo di Anthony B è un singolo che include i brani "Sleeping In the Rain", "Satisfaction", "Bad From Long Time", e "Teaser" tratti dal suo molto atteso 13° album "Life Over Death". Nel gennaio 2009 Anthony ha pubblicato ancora un altro album perla Greensleeves Records.L'album, "Rise" prodotto dalla Frenchy Maximum Sound, continua nella tradizione secondo la quale Anthony B dimostra di essere uno degli artisti più prolifici e coinvolgenti del reggae , un esecutore elettrizzante la cui musica afferra la coscienza sociale del pubblico.

 

Il 30/06 Natacha Atlas in concerto @ Carroponte


Giovedì 30 giugno

Natacha Atlas in concerto

@

CARROPONTE

Via Granelli, 1 – 20099

Sesto San Giovanni, Milano

H 21.30 – Ingresso 10 euro

INFO LINE:
392.3244.674
info@carroponte.org




Mangia&Bevi

Pizzeria: aperta tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 19 alle 24

Ristorante: aperto tutti i giorni (escluso il martedì) dalle 19 alle 22

Griglieria: aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24

Libreria

Interno 4: aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24

Natacha Atlas, cantante belga acclamata a livello internazionale, che ha messo a punto i caposaldi fondamentali dello "shaabi" (cioè del pop egiziano di questi ultimi anni) e della "belly dance", o danza del ventre che dir si voglia, ha appena pubblicato quest'anno il suo ottavo disco da solista. Registrato con ospiti illustri quali il pianista Zoe Rahman, un ensemble turca composta da venti musicisti e un'orchestra da camera in grado di integrare stili della tradizione araba ed occidentale, Mounqaliba - 'essere in uno stato di involuzione' in arabo – è costruito con il suono acustico, orchestrale del celebrato Ana Hina del 2007 con una serie di nuove canzoni, interludi evocativi e una lucida, limpida lettura di The Riverman di Nick Drake. Ora, con il suo nuovo album, Natasha porta il modus operandi acustico di Ana Hina ad un nuovo livello. “Il nuovo album trova seguito da El Nown

Noemi in concerto @ Carroponte. Il 29 giugno!


Mercoledì 29 giugno

NOEMI in concerto

@

CARROPONTE

Via Granelli, 1 – 20099

Sesto San Giovanni, Milano

H 22.00 – Ingresso 15 euro

INFO LINE:
392.3244.674
info@carroponte.org




Mangia&Bevi

Pizzeria: aperta tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 19 alle 24

Ristorante: aperto tutti i giorni (escluso il martedì) dalle 19 alle 22

Griglieria: aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24

Libreria

Interno 4: aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24

E’ un bel tipo Veronica Scopelliti, in arte Noemi, ha carattere ed è solare. 29 anni e… una vita per la musica che ha respirato in casa grazie al papà musicista che lei definisce “il mio migliore amico”. La sua carriera inizia nel 2008 quando partecipa ad X Factor che la fa conoscere nonostante la mancata vittoria al grande pubblico con la canzone Briciole pezzo che verrà incluso nel primo ep intitolato NOEMI. Partecipa poi al concerto Amiche per l’Abruzzo dove incontra Fiorella Mannoia che le propone una collaborazione per il brano L’amore si odia prima hit di successo dell’album SULLA MIA PELLE, uscito nell’ottobre 2009, doppio disco di platino, oltre 100.000 copie vendute e una permanenza ai vertici della classifica di oltre 30 settimane. Da qui Noemi inizia la sua esperienza live, prima con suo primo tour nel 2009 in tutta Italia, poi con Sanremo 2010dove si presenta con il brano Per tutta la vita di Diego Calvetti (il suo primo produttore) e Marco Cappelli, l’apertura dei concerti di Vasco Rossi del 21 e 22 aprile, a Torino – PalaIsozaki ed infine un tour estivo nel 2010. La svolta però viene a seguito di una sua intervista rilasciata ad un giornale che incuriosisce Vasco il quale decide di scriverle un pezzo; la canzone si intitola Vuoto a perdere e acquisisce fin da subito un grandissimo successo. Il brano è inserito nel nuovo album ROSSONOEMI, Rosso il colore portafortuna di Noemi la quale dichiara: “Il Rosso non è mai un colore facile da portare, non è comodo, indica un modo di vivere la vita e quello che ci circonda con grande forza, istinto, passione, dedizione, amore. E' proprio così che io ho vissuto la vita e la musica fino ad oggi ed è in questo modo che ho voluto affrontare la creazione di questo album”. Rossonoemi è il suo secondo album, si compone di 9 brani ed è molto importante per lei che se ne è occupata in prima persona. Ha scritto da sola quasi tutte le canzoni, testo e musica (la conosce bene, ha studiato pianoforte e sa suonare anche la chitarra), ha voluto chiedere collaborazione agli artisti che stima maggiormente: FedericoZampaglione, Diego Mancino, Kaballà e Pacifico. Si è impegnata nella pre produzione dell’album insieme con la sua band e infine ha scelto lei il produttore, arrangiatore Corrado Rustici ed è volata da lui a San Francisco per registrare. Con il suo secondo singolo Odio tutti i cantanti

giovedì 16 giugno 2011

Martedì 28/06 Ludovico Einaudi @ Carroponte


Martedì 28 giugno:

LA NOTTE DELLA TARANTA CON LUDOVICO EINAUDI

DIRETTA DAL MAESTRO CONCERTATORE

LUDOVICO EINAUDI

con OSPITI

SAVINA YANNATOU, MERCAN DEDE & SECRET TRIBE, BALLAKÉ SISSOKO

@

CARROPONTE

Via Granelli, 1 – 20099

Sesto San Giovanni, Milano

H 21.30 – Ingresso 15 euro

INFO LINE:
392.3244.674
info@carroponte.org




Mangia&Bevi

Pizzeria: aperta tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 19 alle 24

Ristorante: aperto tutti i giorni (escluso il martedì) dalle 19 alle 22

Griglieria: aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24

Libreria

Interno 4: aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24

L’Orchestra popolare La Notte della Taranta, diretta dal Maestro Concertatore Ludovico Einaudi, propone i brani classici della musica popolare salentina tra suoni tradizionali ed elettronica.

L’orchestra è composta da oltre venti tra musicisti (tamburelli, percussioni, batteria, fiati, chitarre, mandola, violini, viola, violoncello, organetto e fisarmonica) e cantanti, diretti da Ludovico Einaudi, coadiuvato da Mauro Durante, assistente musicale.

Sul palco si alternano alcuni ospiti speciali che si confrontano con i brani della tradizione: la cantante greca Savina Yannatou, che nel corso della sua carriera si è mossa tra musica tradizionale, medievale, rinascimentale e barocca, fino a scoprire un grande amore per l’improvvisazione vocale, il jazz, l’avanguardia; il dj e polistrumentista turco Mercan Dede, che da anni sperimenta la fusione di elettronica e tradizione folklorica del suo paese, riuscendo a trasporre in musica la filosofia Sufi dell’armonia degli opposti, accompagnato dai Secret Tribe; Ballaké Sissoko, strumentista di gran talento, proveniente da una famiglia di griot maliani, considerato tra i più grandi virtuosi della kora.

 

BIOGRAFIA LUDOVICO ENAUDI:

http://www.einaudiwebsite.com/html/bio.asp

mercoledì 15 giugno 2011

Gentleman in concerto in Italia! Ecco le date!



A 30 ANNI DALLA SCOMPARSA DI BOB MARLEY
SULLA SCIA DEL GRANDE MAESTRO DEL REGGAE
ARRIVA IN ITALIA IL MEGLIO DELLE NUOVE LEVE DELLA SCENA INTERNAZIONALE


Wayout Eventi srl

PRESENTA

GENTLEMEN

Con il nuovo disco dal titolo

“Diversity”

Ecco le date:

28/06/2011 Trieste – Ausonia
29/06/2011 Collegno (To) – Colonia Sonora
20/07/2011 Zogno (Bg) – Ambria Music Festival

INFOLINE
phone +39 06 71350403
fax +39 06 71350312
www.wayouteventi.it
www.myspace.com/wayouteventi


GENTLEMEN
2010. L’anno della tigre. E per coincidenza, questo è anche il segno cinese dello zodiaco sotto il quale è nato Gentleman. Le tigri hanno fama di essere sensibili, coraggiose, di essere nate per essere capi, ed in effetti queste sono le vere qualità che definiscono il più popolare musicista reggae della Germania. Appena trentacinquenne, Gentleman è diventato famoso come instancabile messaggero del reggae. Infatti, con magistrali album quali “Journey To Jah“ e “Confidence”, egli ha dato a questo genere musicale un nuovo caratteristico profilo ed una specie di contemporanea rilevanza che il reggae non aveva avuto dai tempi di Bob Marley.
Inoltre da tempo Gentleman è diventato una star riconosciuta a livello internazionale.
Egli viene costantemente richiesto in molti Paesi europei, ma anche in Sud America, Africa e Stati Uniti d’America. Ovunque egli vada, la gente apprezza il carisma dell’artista ed i suoi favolosi inni reggae dedicati alla Consapevolezza, all’Aderenza ai principi morali, alla Tolleranza.
“Diversity“ è il titolo del suo quinto album, inteso in primo luogo come una sfida musicale per se stesso, ma anche per i suoi fan e le loro aspettative. Non ci sono molti musicisti tedeschi così profondamente radicati nel movimento reggae, ma questo non significa che Gentleman non possa esplodere in una dancehall-riddim come se non ci fosse un domani. Il suo album offre una vasta e sfaccettata scelta di stili, testi e collaborazioni. “In questo momento sono molto sicuro di me quando mi capita di lavorare con gli altri e continuare a rimanere io stesso il filo comune” dice Gentleman, che ha portato nel nuovo album una eguale misura di voracità creativa e di coraggio di autocritica. “Il fuoco che tu senti da principiante non dura a lungo. Poi è bene che tu faccia scorta di braci e questo ha molta più forza. Ho voglia di fare ancora così”.
Il CD standard contiene 19 canzoni che esplorano tutte le forme e i colori che la musica reggae ha da offrire, mentre l’edizione di lusso di 28 brani offre una ulteriore porzione di pezzi musicali, in cui Gentleman mette a disposizione numerose prelibatezze.
La sua Band è ora chiamata Evolution. Anche se il cast è più o meno identico alla sua precedente Far East Band, alcuni piccoli punti sono stati riposizionati, così che adesso la band può partire proprio con quella passione che Gentleman richiede per assicurare un imponente spettacolo live.
E’ veramente affascinate scoprire come Gentleman riesca ancora una volta ad unire nel suo album le intere generazioni del reggae. Da un lato c’è la matricola Christopher Martin, che taglia il nastro come vincitore della premiere televisiva “Jamaica’s Rising Star“. Il ventiduenne astro nascente, il cui falsetto che lo distingue ricorda uno dei timbri musicali di Michael Jackson, è stato preso sotto l’ala protettiva di Shaggy. Dall’altro, per il brano “Good Old Days“, Gentleman è stato capace di reclutare niente di meno che il 53enne Sugar Minott, veterano dello Studio 1 e pioniere della dancehall, che dà all’album una patina sapiente e scintillante.
Nel corso degli anni, Gentleman ha costruito una vera e propria rete unica nel suo genere mettendo insieme Europa e Giamaica, la sua seconda patria.
I suoi testi denunciano la disastrosa gestione degli affari che determina le condizioni di vita del 21° secolo: un eccesso di conflitti religiosi che fanno del nostro mondo un posto sempre più desolato; un ambiente drammaticamente distrutto dal genere umano senza nessun miglioramento in vista; milioni di persone che muoiono di fame o cercano rifugio nella fuga; gente che si ritira in mondi artificiali. Gentleman marcatamente si oppone a questi fenomeni con il suo richiamo ad una maggiore tolleranza, solidarietà e rispetto reciproco. E’ in idealista che non si stanca mai, che crede nella bontà del genere umano, la cui fede creativa si incentra in due parole: spiritualità e amore. Spesso, o almeno così lui spera, poche righe di una canzone possono essere sufficienti a catturare l’attenzione delle persone, a galvanizzarle e a far sì che le cose cambino.
Di conseguenza, “Diversity“ si rivela un fluorescente gioco di illusioni che sfrutta tutte le molte possibilità che il reggae ha da offrire, e allo stato attuale delle cose ha poco a che vedere con i cliché dominanti del reggae brillante. tutta la esuberante gioia che i brani di “Diversity“ irradiano, l’album si contraddistingue per un certo senso di sobrietà. La copertina dell’album, uno scatto del famoso fotografo Olaf Heine, visualizza questo alla perfezione. Essa mostra un ritratto icona di Gentleman in doppia posa, pervaso di alberi in versione autunnale, che simbolizzano quanto ramificata e profondamente radicata sia la sua arte, un’arte essa stessa in costante processo di cambiamento. Gentleman investe in cambiamento, progresso e pluralismo. Le regole della Diversità!

martedì 14 giugno 2011

Dal 14 al 23 Luglio: Ambria Music Festival!


Dal 14 al 23 luglio


ad Ambria di Zogno (BG), all'inizio della Valle Brembana

si terrà la nona edizione

dell' AMBRIA MUSIC FESTIVAL,

kermesse musicale con otto show di grande musica

ad ingresso gratuito…



Nel programma

mercoledì 20 luglio lo spettacolare concerto di GENTLEMAN,

uno degli artisti più quotati della scena reggae internazionale

e poi… nel cast, due tra le band più importanti del panorama indipendente: Marta sui tubi e Lombroso

band emergenti di grande livello: Waines, The Last Fight, Mellow Mood, Phinx, Nats, Sakee Sed

un tributo europeo a Jim Morrison e ai Doors con The Doors Experience per celebrare

il 40° anniversario della morte del leader dei Doors

e una data del tour mondiale dei Letz Zep, impressionante tributo ai Led Zeppelin



AMBRIA MUSIC FESTIVAL 2011



dove: Piazza Europa c/o campo sportivo

AMBRIA DI ZOGNO(BG)



Info ambriamusicfestival@yahoo.it

http://www.ambriamusicfestival.it/



" tutte le sere ad ingresso gratuito

" dalle ore 19.00 servizio cucina, pizzeria, bar e birreria

" inizio concerti ore 21.00



Ambria Music Festival, manifestazione nata nel 2003 ad Ambria di Zogno, nella bassa Valbrembana, e che ha visto negli anni salire sul palco ospiti impoertanti come Max Gazzè, Marina Rei, Omar Pedrini, Modà, Marlene Kuntz, Davide Van de Sfroos, The Original Wailers.....torna quest'anno con otto serate di grande musica, diverse tra di loro ma tutte ad ingresso gratuito e in cui quest'anno più che mai si dà spazio (come poche volte succede) a realtà musicali bergamasche.



L'apertura del festival, giovedì 14 luglio, è affidata a due band emergenti di spicco; i veneti Phinx, che hanno appena pubblicato il loro nuovo disco (Login) e i bergamaschi Nats.



Venerdì 15 serata all'insegna del reggae con i bergamaschi Realize e i Mellow Mood, vincitori dell'Italian Reggae Contest 2009 del Rototom Sunsplash.



Sabato 16 luglio si prosegue con ben tre band sul palco; una delle promesse più interessanti della scena musicale bergamasca (The Last Fight) con la loro bomba ad orologeria rock stoner, i Waines e i già affermati Lombroso di Dario Ciffo (ex violinista degli Afterhours).



Domenica 17 largo alla musica made in Bergamo. Nel pomeriggio suoneranno infatti le band selezionate per il contest i quest'anno e in serata i vincitrici del concorso 2010 Road Of Kicks e i The Blot. Questa giornata si preannuncia come una vera e propria maratona rock. Palco aperto infatti dalle 14 e musica fino alle 24.



Come sempre Ambria Music Festival prosegue la settimana successiva, ripartendo mercoledì 20 luglio con la serata clou del festival; dedicata alla musica reggae e a Bob Marley, il grande artista reggae scomparso esattamente trent'anni fa, verrà animata da uno dei personaggi più interessanti della scena reggae internazionale del nuovo millennio; GENTLEMAN & the evolution in una data del tour Europeo "diversity live". Il concerto sarà anticipato dal deejay set, chiaramente reggae, di ShantySound di BergamoReggae



Giovedì 21 luglio si cambia registro; dopo il reggae internazionale di Gentleman sarà la volta di un gruppo bergamasco già osannato dalla stampa nazionale (Sakee Sed) e dagli ormai affermatissimi Marta sui Tubi, che presenteranno il loro nuovo album.



Venerdì 22 luglio altra serata di commemorazione. Nel 2011 infatti ricorre il quarantennale della morte di Jim Morrison. Ambria Music Festival, per ricordare la scomparsa del più affascinante mito del rock, ha pensato di portare in Italia The Doors Experience, il miglior tributo a Jim Morrison e ai Doors. Ad aprire la serata un tributo internazionale a Janis Joplin con i The Rose. Per gli appassionati della buona musica e per tutti quelli che hanno amato e amano Jim Morrison e Janis Joplin, The Rose e The Doors Experience sono sicuramente una garanzia di una serata di altissimo livello musicale.



Sabato 23 luglio si chiude con un altro tributo di caratura internazionale; una data del tour mondiale dei Letz Zep il miglior tributo alla musica dei mitici Led Zeppelin. Sul palco, a ripercorrere il meglio delle musiche della storica band inglese un manipolo di musicisti che hanno suonato a fianco di icone del rock come Ritchie Blackmore, Roger Glover, Scott Gorham, Neil Murray, Dennis Stratton, Jason Bonham, Slash per uno spettacolare tributo alla band di Page & Plant. Aprono la serata i locali Route Sixtynine.

venerdì 10 giugno 2011

12/07 "Semetispsum" @ Livorno: bere arte, disegnare musica, ascoltare vino

Semetispsum 2011
avviene da Michele Satta

bere arte, disegnare musica,
ascoltare vino

Michele Satta viognier
Nils Petter Molvaer tromba,
beat programming, tappeti sonori

@ CANTINA MICHELE SATTA
12 Luglio 2011 ore 21.30
Loc. Casone Ugolino 23
Castagneto Carducci (Li) - Italia

Data la limitatezza dei posti disponibili è necessario effettuare una prenotazione inviando una mail
a:
semetipsum@michelesatta.com e presentare all’ingresso la conferma di avvenuta prenotazione.
Michele Satta
Loc. Casone Ugolino 23 - 57022
Castagneto Carducci (Li) - Italia
Tel : +39 0565 773 041
Fax : +39 0565 773 041

SEMETIPSUM, espressione latina che significa letteralmente “proprio se stesso”, è un progetto, un evento, un vino, un incontro imprevedibile che deve comunque accadere: AVVIENE DA MICHELE SATTA.
E’ questo il secondo avvenimento nato dalla collaborazione del grande produttore di
Bolgheri con Eraldo Bernocchi, musicista e sperimentatore nella musica elettronica, Petulia
Mattioli, video artista, e la casa discografica RareNoise Records di Londra, che vide l’anno scorso, in mezzo a botti e barriques, uno splendido Harold Budd improvvisare al pianoforte insieme a Eraldo Bernocchi, accompagnati da un esclusivo cru Sangiovese 2008. Lo testimoniano le esclusive magnum autografate, confezionate insieme al cd del concerto registrato dal vivo e dalle suggestive immagini realizzate per l’etichetta e per il libretto, con presentazione di Marco Pierini, direttore artistico della Galleria Civica di Modena.
Semetipsum 2011 porrà nuovamente l’attenzione sul dialogo tra diverse unicità.
Nel nostro lavoro ci rendiamo sempre più conto di come ogni elemento della natura porti in sé qualcosa di unico, originale, come un “segreto” che gli appartiene intimamente prima che entri in relazione con noi, che non è semplicemente descrivibile con una formula chimica. Allo stesso modo ci stupisce sempre di più scoprire come ogni uomo custodisca in sé un patrimonio di personalità che eccede i propri antecedenti biologici, che non coincide con ciò che ha costruito o con l’immagine che si è fatto di sé. C’è un quid che misteriosamente ci ritroviamo addosso come dato, e che ci permette, in qualunque circostanza ci si trovi, di dire “io”. L’artista e il vero vignaiolo a questo livello si intendono perfettamente. Cercare la bellezza, ascoltare l’unicità della natura e l’unicità dell’uomo, continuare a desiderare di scoprire se stessi in questo rapporto, è diventata la nostra passione. (Lucia Satta)

Anche quest’anno un grande artista di fama internazionale, il musicista e compositore norvegese Nils Petter Molvaer, improvviserà con la sua tromba lasciandosi guidare dalle suggestioni della cantina, della terra, del paesaggio, ma soprattutto dall’incontro con Michele Satta, e dall’ascolto del suo magnifico Viognier 2010; le immagini che nasceranno dall’arte di Petulia Mattioli completeranno l’opera.
Il concerto, che mai più potrà essere riprodotto, sarà registrato dal vivo e prodotto da RareNoise Records di Londra; il vino, selezionato appositamente per l’evento dalla Vigna Nuova, sarà imbottigliato in edizione limitata di 200 Magnum; l’etichetta e il libretto di presentazione accompagneranno in esclusiva la confezione. E, naturalmente, chiunque vorrà essere presente renderà l’evento irripetibile!
Nell’occasione del concerto sarà possibile acquistare le confezioni di SEMETIPSUM 2010 e prenotare quelle di SEMETIPSUM 2011 che usciranno a novembre.

Malena presenta il nuovo brano "Inverno". Ascoltatelo da qui!

L’ESORDIO DISCOGRAFICO DI UN NUOVO VOLTO DELLA MUSICA POP LIRICA ITALIANA
MALENA
Presenta il brano
“INVERNO”
Ascoltabile da oggi qui
http://www.graceorange.it/ARTIST_MALENA.html

http://www.graceorange.it



Francesca Vassallo in arte MALENA è la nuova voce, il nuovo volto e la giovane promessa della musica pop-lirica Italiana.
Diplomata al prestigioso Conservatorio G. Cantelli,nel suo curriculum vanta partecipazioni a manifestazioni ed eventi prestigiosi come il Giubileo del mondo dello spettacolo a Roma presso la basilica di San Pietro.
Canta come solista e corista alla sede dell‘ ONU a New York per la proclamazione del millennio della pace.
Riscuote successo dal pubblico e la critica con “I fiori di Bach” un ensemble vocale femminile composto da 7 cantanti liriche ed una pianista al Teatro Manzoni di Milano e Il 13 marzo 2009 debutta con la Carmen di Bizet, nel ruolo di Micaela, al Teatro Rosetum di Milano.
Nel 2011, Insieme al chitarrista e manager Luca Montaldo entra in contatto con l'etichetta indipendente Grace Orange che decide di prenderla come artista. Con Paolo Agosta, artista e produttore artistico dell'etichetta, inizia la produzione esecutiva ed artistica presso il Bunker Studio Productions del suo primo album da solista, previsto in uscita per l'autunno 2011.

MALENA è un'artista dal calore decisamente mediterraneo, con una timbrica elegante, vellutata, potente ed un ottimo controllo della tecnica vocale.
Precede l'uscita dell'album la canzone "INVERNO" (scritta e diretta da Paolo Agosta), un assaggio e un anteprima di questo progetto musicale, di cui è prevista l'uscita per l'autunno 2011.
"INVERNO" è una colonna sonora che rievoca le sonorità presenti in alcune musiche utilizzate da David Linch per i suoi film.
Il mood della canzone è scuro e drammatico, e nasce da una melodia di pianoforte che si sviluppa in un arrangiamento di archi, percussioni, batteria, basso e chitarre elettriche, in un crescendo lento, continuo e costante.
La melodia del pianoforte diventa il tema su cui poggia l'incredibile interpretazione vocale di MALENA, che con grazia e potenza interpreta la linea melodica senza testo e a più voci.
Il connubio tra voce e musica è perfetto, e il coinvolgimento è totale.

Di questo brano ne esiste una seconda versione che comprende al suo interno la lettura di una poesia intitolata come il brano stesso, scritta dalla zia poetessa Cettina Vassallo e interpretata da Damiano Fiorella (ex concorrente di X-Factor edizione 2009 e voce dei "Monopolio di stato").
E' possibile ascoltare e guardare il promo-video in entrambe le versioni dalla stessa pagina del sito di Grace Orange.

Il promo-video è stato pensato e realizzato da Paolo Agosta con la collaborazione di Andrea Montagna per le riprese. L'idea è stata quella di realizzare delle immagini sgranate nel buio della notte in un bosco, per dare al video ed allo spettatore il mood cupo e tenebroso che fuoriesce dalla canzone stessa, interpretata da MALENA.

L'album che ne seguirà, è un lavoro ricco di sfumature e dal forte coinvolgimento emotivo che passa attraverso i mondi della musica lirica, della musica pop e della musica trip - pop degli anni '90.

Ananda presentano "War Diares", il nuovo lavoro discografico.


Ananda
Presentano
WarDiares
Seahorse Recordings
Data di uscita; 28 maggio
Distribuzione; Audioglobe

http://www.anandaband.com/
http://www.facebook.com/Anandaband
http://www.youtube.com/user/AnandaBand

Ascolta in anteprima due brani di wardiaries:
Massacre - Youth


Scritto così, wardiaries, senza stacchi tra le parole, senza maiuscole. diaridiguerra. La guerra è un tema che mi ossessiona da tempo, perché è una manifestazione prettamente umana, unicamente umana. Mi sono reso conto a posteriori, quando i dodici pezzi del disco erano già stati scritti, che quasi in ognuno di essi comparivano termini o immagini legate alla guerra, al contrasto con gli altri, con sé stessi. La ricerca dell’altro, di Dio, della calma. Potrebbe essere questo, la guerra, una paradossale ricerca di calma, come quando dopo uno scontro i sopravvissuti si guardano intorno, e il campo è disordinato, silenzioso.

Si potrebbe considerare questa nostra seconda prova un “concept album”, probabilmente lo è. Per quel che ricordo, le canzoni sono state scritte tra il 2008 e il 2010, nei momenti più disparati del giorno (o della notte). Indian spring mi ha costretto addirittura ad alzarmi dal letto alle prime ore del mattino, le parole si lamentavano nella mia testa insopportabili, come la sirena che precede un raid aereo. Il testo di Massacre è stato completato pochi giorni prima di cantarlo, a letto nella stanza degli ospiti di Paolo Messere, in Toscana, mentre ero afflitto da una tonsillite spaventosa e la mia temperatura sfiorava i 40°.

Massacre è anche il brano che chiude l’album, e le parole scritte per completarne il testo parlano di gioia, gioia che si espande come una luce, che inghiotte tutto. Le prime parole di Chapter II, il brano d’apertura, recitano invece: “War is now”. Una sorta di svolgimento dunque, o di speranza che l’orrore possa trasformarsi in gioia, la guerra diventare abbaglio, splendore. Quel che c’è nel mezzo è una sorta di viaggio sbilenco, di oscillazione. Il ritrovarsi nel bel mezzo della battaglia tra monaci soldati, come in Indian Spring (o sulla nave merci di Gordon Pym), il sospirare la fine dei combattimenti, il tornare qualche volta nei fumi del passato, pensando ai compagni che ognuno di noi ha perso sul campo; il tirare le somme a battaglia ancora in corso, e il rendersi conto che forse somme da tirare non ce ne saranno mai.

Temo di dilungarmi troppo. In fin dei conti quel che sto tentando di descrivere è pur sempre un album, nient’altro che una manciata di canzoni. Che si spera abbiano qualcosa da dirvi, qualsiasi cosa sia. Questo è il senso dell’album soltanto per quel che riguarda me, il suo significato secondo la mia parziale visione. Passo il testimone a chi ne scriverà. Armatevi di un orecchio teso e sincero, indossate scarpe adatte al viaggio.


Gli Ananda sono una indie rock band della provincia di Salerno e sono attivi dal 2006. wardiaries è il loro secondo album; il primo, intitolato The Apple Towns, è uscito nel 2008 per la label Videoradio.

Il 17/06 esce "Snodo", il nuovo album di Giorgio Barbarotta!



GIORGIO BARBAROTTA
Presenta
“Snodo”
(GB Produzioni / Atracoustic / Wondermark – 2011)
Data di uscita; 17 giugno

GUARDA IL VIDEO QUI
http://www.youtube.com/watch?v=syLx8UZexb0

ASCOLTA ALCUNI BRANI IN ANTEPRIMA QUI
www.giorgiobarbarotta.it

S’intitola “Snodo” il nuovo cd originale di Giorgio Barbarotta, una sola parola per sintetizzare la convergenza di diversi modi d’essere. 11 canzoni dai forti contrasti in cui confluiscono e convivono il cantautorato folk e il rock elettrico, la poesia intimista e la denuncia sociale. L’album si apre con “Buone nuove”, intensa e amara riflessione ispirata al Nobel per la pace assegnato ad Obama, prosegue con il singolo “Noi”, elegiaca rivendicazione ambientalista; è poi la volta di “L’alchimista”, pezzo sfacciatamente live, divertita metafora del mestiere del cantautore, e di “Riesci ad imbrogliare il tempo”, introspettiva ballad dal misurato sapore romantico; “Podere 41” è denuncia delle condizioni di vita dei lavoratori nella raccolta di pomodori al sud, “Dalla marea” connubio tra leggende di mare, storie di porto e credenze religiose, “Sinfonia di maggio” festosa celebrazione di vita e natura dai toni bandistico-dionisiaci, “Il motore è l’amore” delicata dedica alla nascita di un figlio, “Mediacrazia” nero e psicadelico atto d’accusa sull’imperare dei mezzi d’informazione, “Galleggiando in provincia”, ironica folksong sulla condizione degli artisti che vivono ai margini delle rotte che contano, “Che ne diresti” personalissimo confronto-dialogo con il divino. L’album, registrato e prodotto nei primi mesi dell’anno all’Atracoustic Studio di Pordenone (Live In The Tracking Room - Tre Allegri Ragazzi Morti), vede ad accompagnare Barbarotta la partecipazione dei musicisti Nicola “Accio” Ghedin batteria (Estra, Giulio Casale), Stefano Andreatta basso e flauto traverso (Manodopera, Carrettera Central), il giovane e talentuoso chitarrista Giulio Moro, gli ospiti Luca Lenardi hammond (Jackeyed, The CircleSouth) e Mauro Gatto percussioni (Barbapedana).

giovedì 9 giugno 2011

Dal 23 al 25 Settembre "Supersound" @ Faenza, città della musica!



SUPERSOUND 2011

Dal 23 al 25 settembre
Faenza città della musica
Per tre giorni il MEI dà vita al più grande festival di musica italiana dal vivo per emergenti
una grande Notte Bianca di Musica Emergente che tornerà ad animare e riempire i locali, i club e gli spazi sociali della città con tutta "gli ultrasuoni" della "gioventù sonica" di questi "anni zero"

Per partecipare
compila subito la scheda disponibile al link: http://www.meiweb.it/download/
Al via due premi dedicati agli under 25 e ai nuovi media: Targa Giovani e TiVoglioCosì

Targa Giovani
Per tutti i giovani artisti (rigorosamente under 25!) che volessero segnalare il proprio progetto: info@audiocoop.it
TiVoglioCosì
il premio italiano dedicato alle web tv, realizzato da TiVoglioDigitale
iscriviti sul sito www.tivogliocosi.it

Per info:
Materiali Musicali – Via Della Valle, 71 – 48018 Faenza (Ra)
Tel. 0546.646012/0546. 24647
mei@materialimusicali.it - info@audiocoop.it
www.audiocoop.itwww.meiweb.it

PRESENTAZIONE DI SUPERSOUND

Il Meeting degli Indipendenti (MEI) di Faenza si rinnova e presenta dal 23 al 25 settembre 'Supersound', il più grande festival di musica italiana dal vivo per giovani emergenti. L'iniziativa si terrà nel centro storico della città romagnola, con il sostegno della Regione. Siamo così tornati a puntare sulle giovani generazioni e sui nuovi talenti musicali per fare di Faenza il punto di riferimento italiano della musica emergente. Sono già oltre 200 le band che hanno scritto per partecipare alla grande kermesse faentina, solo ad oggi.

Ed è così che a Faenza il Mei presenta "SuperSound - Il più grande festival di musica italiana dal vivo per giovani emergenti", in un percorso concordato attraverso diversi incontri con l'Amministrazione Comunale, che si terrà nei giorni dal 23 al 25 settembre prossimi nel pieno del Centro Storico di Faenza portando a Faenza il più grande contest di musica giovanile italiano, con l'abituale sostegno della Regione Emilia-Romagna e con la collaborazione della Rete dei Festival e tanti altri soggetti legati alla musica giovanile, insieme alla conclusione del progetto Emilia-Romagna Indies con le città di Piacenza e Forlì e con il sostegno del progetto Mater, che vede coinvolti i territori e i festival delle zone di Ferrara, Faenza, Forlimpopoli e altri luoghi regionali. Il centro storico e i suoi palazzi principali e i suoi principali luoghi diventeranno così fucina della nuova musica emergente italiana riempiendo le piazze e gli spazi istituzionali per tre giorni insieme ad una grande Notte Bianca di Musica Emergente che tornerà ad animare e riempire i locali, i club e gli spazi sociali della città con tutta "gli ultrasuoni" della "gioventù sonica" di questi "anni zero" del nostro paese.


I PRIMI PREMI DI SUPERSOUND

Targa Giovani
“Targa Giovani” (premio ai migliori artisti indipendenti under 25) e “TiVoglioCosì” sono i due premi legati al nuovo mondo della musica emergente italiana e all’innovazione del settore, tutti elementi fondamentali per dare un futuro al Mei e alle sue iniziative.
La Targa Giovani si divide in tante categorie, da miglior tour a miglio solista, da miglior disco a migliore testo, premiando oltre che gli artisti e le band, anche le neonate etichette indipendenti che si sono distinte negli ultimi due anni.

Tra le prime adesioni a Supersound da segnalare Mtv New Generation, Demo di Radio Rai Uno, Rai Isoradio con la Notte degli Indipendenti mentre si stanno aggiungendo tante altre esperienze legate al mondo dello scouting giovanile, che avviene attraverso il mondo del live e su internet, la nuova forma di produzione della musica del futuro.

Tra i giurati ricordiamo Luca Valtorta (XL - Repubblica), Luca D'Ambrosio (Musicletter.it), Andrea Diani (RadUni), Fabrizio Galassi (Repubblica.it/Kataweb, Wired), Orazio Martino (Gli Osservatori Esterni), Luca Minutolo (Fuori dal Mucchio), Giorgio Moltisanti (Rumore), Antonio Oleari (Jam), Gianluigi Peccerillo (Dance Like Shaquille O'Neal), Davide Rolleri (The Breakfast Jumpers), Jacopo Tomatis (Il Giornale della Musica) ed Enrico Veronese (Italian Embassy, Blow Up), con la supervisione e il coordinamento di Chiara Caporicci e Giordano Sangiorgi del MEI - Meeting degli Indipendenti.

TiVoglioCosì
Il premio TVC è aperto a tutte le web tv italiane, e coinvolgerà le oltre 500 web tv recensite dal portale.

TiVoglioDigitale.it e le altre piattaforme che intenderanno iscriversi sul sito www.tivogliocosi.it.
Da giugno, TiVoglioDigitale.it permetterà ai visitatori del sito di poter votare le web tv. A metà luglio terminerà la possibilità di votazione e in base alla classifica dei punteggi ottenuti verranno decretate le 25 top web tv finaliste. Una giuria di qualità, formata da giornalisti, esperti stranieri, creativi, utenti virtuosi, comunità online, comunicatori e operatori del settore, entro gli inizi di settembre deciderà il vincitore del premio TVC, più i 5 vincitori di altrettanti premi speciali dedicati a diversi aspetti qualitativi come la web tv più semplice ed efficace, la web tv più creativa, la più innovativa, la più interattiva e la web tv straniera più interessante.

mercoledì 8 giugno 2011

L'11 Giugno "X Congress" @ Karel Music Expo



All’interno del festival
Karel Music Expo 2011
Vox Day, XTIMES e FENIX
Presentano

X CONGRESS - “Lo shifting ed i nuovi tempi”
2° Convegno Nazionale realizzato da Vox Day in collaborazione con le riviste
FENIX e XTIMES
Sabato 11 Giugno 2011
Dalle ore 9.30 alle ore 20,30

La rivoluzione climatica, l'inversione dei poli magnetici, morie di animali terrestri ed acquatici, terremoti e tsunami in crescita sono segnali di una evoluzione del nostro pianeta verso un destino ancora sconosciuto. Le culture tradizionali di molti popoli del mondo parlano di uno "shifting", uno scivolamento o cambiamento di dimensioni epocali del nostro pianeta, che si collega strattamente a crescenti avvistamenti di oggetti non identificati nei cieli di tutto il mondo. Mentre la "disclosure" di documenti finora secretati, riguardanti l'esistenza di altre razze nell'universo, ha luogo in molti paesi del mondo ma non coinvolge ancora gli USA, cerchiamo di capire meglio cosa sta accadendo e di rintracciare le origini della razza umana quando gli "Dei" provenienti da altri pianeti vivevano in mezzo a noi.

Temi trattati:
Enigmi e Misteri del Sacro,
UFO e Contatti Extraterrestri,
Cerchi Nel Grano
Con la partecipazione straordinaria di:
MAURIZIO BAIATA (giornalista, scrittore, ricercatore): presentazione del libro “Gli alieni mi hanno salvato la vita”
MAURO BIGLINO (ricercatore, scrittore e studioso di religioni, traduttore di ebraico biblico): “La relazione che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia: gli Dei che giunsero dallo Spazio?”
ADRIANO FORGIONE (direttore di “Fenix”, esperto di Conoscenze Antiche, Storia Occulta): “Shifting e Messaggi di Trasmutazione provenienti dai Cerchi nel Grano”
PINO MORELLI (dir.resp. “XTimes”): “Contatti ed esperienze di comunicazione extraterrestre”

Per partecipare, è gradita la prenotazione ai seguenti recapiti:
TELEFONO: 070 840345
EMAIL: info@voxday.com
In previsione del tutto esaurito, è consigliata l’acquisizione del biglietto di ingresso in prevendita :
Cagliari: Boxoffice, viale Regina Margherita - tel. 070 657428
Cagliari: Alta fedeltà – via Grazia Deledda 27 - Tel. 070 684083
INGRESSO per l’intera giornata: € 10,00
Per info e prenotazioni alberghiere: info@voxday.com
Visitate:
www.karelmusicexpo.com
www.voxday.com
www.pinomorelli.splinder.com
www.ilblogdiadrianoforgione.myblog.it
Con il sostegno di :
RAS - Assessorati della Pubblica Istruzione, Informaizone, Spettacolo e Sport e del Turismo
Comune di Cagliari Assessorato alla Cultura
Provincia di Cagliari
Fondazione Banco di Sardegna

lunedì 6 giugno 2011

"Un passo un dubbio", il nuovo album degli SteelA



SteelA
Presentano
UN PASSO UN DUBBIO
Etichetta; On The Road
Distribuzione; Universal
Data di uscita; 31 maggio

Preceduto dal singolo “Nel centro del mondo”

www.steela.it
guarda il video qui



Steel A il gruppo
Stile + elaborazione: la risposta a chi domanda cosa significa SteelA è semplice e sincera. Come rapida è stata la maturazione dei sei ragazzi partiti dal Salento e tuttora in viaggio verso il suono apolide dell’Europa fuori controllo: dai primi sound system in cui buttarsi sul microfono all’idea di band, dagli incontri con Max Casacci (Subsonica) e Madaski (Africa Unite) a un primo album ricco di radici reggae e vie di fuga elettro club, fino all’esperienza come backing band di Raiz e all’elaborazione del secondo disco. L’istinto selvaggio di gioventù si intreccia alla maturità di chi a soli ventiquattro anni, questa è l’età media del gruppo, ha già dedicato metà della propria esistenza alla musica.

Procedendo per ordine, nel cuore degli anni Novanta il tredicenne Moreno Turi da Borgagne è poco di un bambino, eppure già se la gioca nelle dancehall di ispirazione giamaicana e retrogusto taranta che invadono le spiagge della sua zona. Intorno a lui e a Emanuele “Sciampy” Carcagni si aggrega una sorta di antibaby band: nessuna velleità da fenomeno televisivo, semplicemente la passione per il reggae degli Africa Unite, di casa sulla piazza del paese. Via i giocattoli, arrivano gli strumenti e nasce il Salento Roots Project, anticamera di SteelA. Moreno ci mette la voce e Sciampy la chitarra, Donatello “Cusci” Vitto ed Errico Carcagno tastiere e cori, Valerio “V.Bass” Greco il basso, Antonio “Dema” Demarianis la batteria. Quegli stessi Africa Unite si accorgono che sta succedendo qualcosa di speciale: Madaski, da bravo dubmaster, e Casacci, che nel frattempo ha fondato i Subsonica e l’etichetta Casasonica, diventano ostetriche artistiche di un felice parto naturale, il disco di debutto “I Livello”.

È novembre 2006. Tempo di impatti. Quello del cd sulla critica e sulla gente: eccellente. E quello di Torino sul gruppo, eccitante. Le due realtà sembrano fatte una per l’altra. Gli SteelA arrivano dal Salento, ma non sono catalogabili come reggae band, specialità della zona. Il suono giamaicano lo hanno nel sangue, però cercano altro; e sotto le Alpi trovano una scena elettronica sincronizzata con il meglio della mappa internazionale, i club che lungo il Po rendono digitali le notti d’inverno, il sapore d’Europa. Senza abiure verso le radici, i sei camminano disinibiti verso dubstep e break, incrociano cantautori informali, rapper meticci, produttori insonni, festival del cinema, gallerie d’arte, fermenti universitari. Sono due anni di elettroshock permanente, punteggiati da tournée, dj set, showcase acustici e sanguigni ritorni a Borgagne. Gli SteelA suonano bene, sempre meglio. Del crocevia permanente di emozioni fa parte anche l’incontro con Raiz, che nel 2008 si immerge con loro in Salento per preparare il tour in cui lo accompagnano come backing band fino alla Germania e al Primo Maggio romano con Lucio Dalla. Altri passi nel percorso che porta al secondo album; lo sviluppo naturale eppure mai prevedibile del suono e della poetica di un gruppo capace di mettersi in discussione ogni giorno restando sé stesso.

Nel 2009 gli SteelA iniziano la preproduzione del loro secondo lavoro discografico, prima da soli nel loro studio in Salento e poi in Casasonica con la collaborazione di Max Casacci e Ale Bavo. Iniziano le prime registrazioni e già si percepisce la voglia di cambiamento e di delineare sempre di più uno stile che sia quello degli SteelA. Dubstep, ballad minimaliste e raggamuffin sempre più elettronico con schegge di lfo che spaccano i woofer non bastano, perché è comunque molto forte la voglia di restare in contatto con il mondo del reggae, il mondo che sino a quel momento ha dato tanto alla band e dopo aver quasi ultimato le riprese del nuovo disco gli SteelA decidono di scrivere ancora nuove canzoni, meno ragionate, più istintive, che rimpiazzeranno scelte meno convincenti.

È ancora novembre, stavolta del 2010, dopo quasi due anni di lavoro gli SteelA decidono di trasferirsi in quel di Luserna S. Giovanni nella casa-studio di Madaski per ultimare finalmente il loro lavoro e introducendo così i nuovi brani che la band ha scritto, riuscendo a bilanciare sul disco la voglia di sperimentazione e di elettronica cresciuta negli anni con la linea reggae-dub-rnb che li ha caratterizzati e distinti durante la loro crescita. Ne scaturisce un disco che meriterà l’attenzione del pubblico e della critica.

Il nuovo album di Matteo Malquori: "Il gioco analogo"



MATTEO MALQUORI
Presenta
Il gioco analogo
Autoproduzione
Distribuzione; Wondermark
Data di uscita; 3 giugno
www.myspace.com/matteomalquori
Un disegno sull’asfalto in un pomeriggio assolato, immobile,ad un passo dallo scadere dell’infanzia, caselle numerate da 1 a 10, disegnate con attenzione ma da mani impazienti di lanciare un piccolo sassolino ed un attimo dopo rincorrerlo, saltando su una sola gamba, cercando di arrivare fino alla punta estrema, la vetta , la casella più lontana, la numero 10, che secondo Cortazàr rappresentava il Cielo, e da lassù sperare di vedere il mondo da una prospettiva diversa, un panorama nuovo.
10 storie, 10 personaggi, a cui la vita ha dato, ma anche tolto, incastrati tra la voglia di sognare (Una volta da piccolo), e la lucida riflessione prima di una scelta senza ritorno (Sul balcone), un amore di cui vergognarsi (il profumo), o chi è stato abbandonato dalla sua buona stella (alcool e cartoni) e così andando avanti, cercando di disegnare profili che ad un certo punto del gioco,analogo soltanto alla vita, si fermano a raccontare,o sono raccontati da occhi che li osservano e ce li mostrano attraverso le note di una canzone.
Ogni brano un paesaggio con un sapore diverso,dove la parola si mischia alla musica d’autore, atmosfere noir e malinconici blues, per dare voce a chi come Matteo Malquori, sta giocando allo stesso gioco, il gioco del mondo.

mercoledì 1 giugno 2011

LO SPIRITO DEL PIANETA: prosegue a Chiuduno (BG) l’undicesima edizione del festival etnico




Prosegue
l’undicesima edizione de

LO SPIRITO DEL PIANETA

L’unico festival etnico in Italia
con gruppi etnici da tutto il mondo
“non professionisti” ma custodi di culture che stanno scomparendo
testimoni esclusivi di culture orali

all’interno del programma
UNICA DATA ITALIANA
Per GOCOO
Il gruppo giapponese che ha realizzato le colonne sonore di MATRIX, il film cult di fine millennio
Vedi un assaggio della loro performance


@ Polo Fieristico – Chiuduno (BG)
DA LUNEDI’ 30 MAGGIO
A DOMENICA 5  GIUGNO
GRUPPI ETNICI DA TUTTO IL MONDO

Ingresso libero
Presente struttura al coperto
che garantirà la realizzazione degli spettacoli anche in caso di maltempo

Orari di apertura;
festivi dalle ore 12,00 alle 24,00
feriali 19,00 24,00

bus navetta gratuiti da piazza mercato (Malpensata) Bergamo
festivi alle 11,00 rientro alle 24,00
feriali 18,00 rientro 24,00
i sabati 15,00 rientro 24,00

INFOLINE
347-5763417

www.lospiritodelpianeta.it
 


PROGRAMMA

LUNEDI’ 30 MAGGIO
La notte dei tamburi con i gruppi (Cree, Gulun, Emberà, Cicimeca, Vietnam)
MARTEDI’ 31 MAGGIO
Canti e danze del gruppo Saor Patrol (Scozia)
MERCOLEDI’ 1 GIUGNO
Canti e danze tradizionali del gruppo Gulun (Yakutia-Russia)
GIOVEDI’ 2 GIUGNO
Canti e danze tradizionali di un gruppo Emberà (Panama)
VENERDI’ 3 GIUGNO
Canti e danze tradizionali del gruppo
The Beat of Polynesia (Maoori della Polinesia)
SABATO 4 GIUGNO
Canti e danze tradizionali del gruppoGocoo (Taiko Giappone)
DOMENICA 5 GIUGNO
Canti e danze di tutti i gruppi presenti

Si svolge a Chiuduno, sulla strada dei vini della Val Calepio, l’undicesima edizione della kermesse de LO SPIRITO DEL PIANETA.
Anche per quest’anno SESTO SOLE, organizzatrice del festival propone diverse novità; un labirinto azteco, un villaggio medievale con un gruppo di falconieri, stage di danze di gruppi partecipanti al festival, oltre 100 espositori di artigianato etnico e locale.

Ogni giorno saranno attivi numerosi laboratori per bambini e non solo.
Alcuni artigiani tradizionali italiani mostreranno le loro tecniche e realizzeranno alcuni laboratori per il pubblico (presso lo spazio gruppi, e nel villaggio etnico nel parco).

Come sempre, seguendo lo spirito del festival, ci saranno gruppi etnici da tutti i continenti. Quest’anno però c’è da segnalare l’unica data italiana di uno dei gruppi etnici più famosi nel mondo per la loro coreografia e spettacolare resa scenica; sono i giapponesi Gocoo, il celebre gruppo di percussionisti giapponese che a suon di taiko (tamburi tradizionali) ha conquistato le platee di tutto il mondo, esibendosi nei più importanti festival internazionali e realizzando le colonne sonore di film come Matrix. Un set di quaranta tamburi taiko e tredici musicisti, di cui sette donne (cosa insolita poiché che riserva rigidamente al sesso maschile l’utilizzo dei taiko): un unicum percussivo di rara intensità, un’onda d’urto che travolge e sconquassa l’anima, un’esperienza che mette a nudo l’essenza primordiale e spirituale del ritmo. Non è un caso che i fratelli Wachowski li abbiano voluti nella colonna sonora di Matrix Reloaded e nel capitolo finale della saga, Matrix Revolutions.

Da segnalare il servizio bus navetta da Bergamo (vicino all’uscita dell’autostrada), un ampio parcheggio nella zona industriale vicinissima al Polo fieristico e altrettanto vicina all’uscita autostradale di Grumello/Telgate (sulla A4).

Come sempre verranno allestiti diversi punti ristoro all’interno del Polo fieristico, quasi tutti legati alla cucina etnica.

Gli spettacoli che i vari gruppi invitati proporranno al pubblico saranno a base di canti, danze, performance che non sono affatto mere coreografie.
Canti e danze che rappresentavano - e rappresentano - momenti fondamentali nella vita di questi popoli.


Quest’anno i gruppi che animeranno il festival sono i seguenti;
Gocoo dal Giappone
Cree dal Canada
Emberà da Panama
Gulun dalla Yakutia-(Russia)
Cicimeca dal Messico
Saor patrol dalla Scozia
Nha Bieu Dien Nghe Thuat Co Truyen Hoi An dal Vietnam
Gruppo dalla Polinesia


L’ASSOCIAZIONE SESTO SOLE

Il festival è organizzato dall’associazione SESTO SOLE.
E’ un’associazione che da anni lavora, grazie al contributo di volontari, su un evento che l’anno scorso, ha avuto come finalità quella di raccogliere contributi per una struttura di accoglienza per bambini a Città del Messico.
Inoltre, grazie ai compensi che vengono dati ai gruppi che partecipano al festival si tengono vive comunità e gruppi etnici in via di estinzione (vedi www.lospiritodelpianeta.it/progetti.htm per i dettagli).
Oltre all’aspetto “solidale” il Festival ha come motivazione principale quella di far conoscere in Italia culture e costumi di popoli minori, spesso in via di estinzione.
E tutto questo avviene soprattutto per la particolarità con cui vengono scelti i gruppi.
Gli organizzatori infatti, da sempre, anzichè recuperare gruppi folkloristici tramite agenzie, preferiscono portare in Italia, direttamente dalle zone prescelte (e sempre diverse di anno in anno) gruppi che, per loro bisogno personale, portano avanti la tradizione orale, di canti e delle danze dei loro popoli, senza fini di lucro ma per il puro piacere di far conoscere ad altri e tramandare alle future generazioni le proprie radici.


IL PROGRAMMA
Vedi il programma dettagliato qui;